Tra le principali tipologie di tubi, utilizzati negli impianti idrici ad uso civile, sia di carico che di scarico, vi sono: tubi in rame, in ferro zincato, in polipropilene e in plastica PVC.

I tubi in rame si trovano facilmente i commercio. I tipi più comuni sono in rame ricotto (venduti in rotoli, da spianare delicatamente per non rovinarli), in rame crudo o rivestiti esternamente da una guaina isolante. I tubi in rame possono essere tagliati con seghetto o tagliatubi a rotelle e sono facili e veloci da installare in quanto non richiedono filettatura. Vengono usati principalmente per la realizzazione di impianti di adduzione dell’acqua e per impianti di riscaldamento.

I tubi in ferro zincato trovano impiego principalmente negli impianti di distribuzione dell’acqua, da parte dell’acquedotto (per le abitazioni sono consigliati i tubi in rame).

I tubi in propilene utilizzano il sistema Coprax, che consiste in tubi e raccordi realizzati in Polipropilene Copolimero Random (PP-R). Le sue caratteristiche lo rendono idoneo per le installazioni idrotermosanitarie dall’estrema affidabilità nel tempo. Il Coprax, inoltre, resiste alla corrosione elettrochimica e può venire a contatto con calce e cemento senza la necessità di dover utilizzare protezioni. La bassa conduttività termica, inoltre, garantisce una bassa dispersione del calore. Infine, l’alto valore di isolamento acustico attenua la rumorosità degli impianti.

I tubi in plastica PVC sono utilizzati soprattutto per le condutture di scarico. Questo tipo di materiale è economico e veloce, perchè può essere installato soppiantando direttamente i vecchi tubi in piombo.

Italcurve effettua lavorazioni di altissima qualità (dalla curvatura alla calandratura) con tutte le tipologie di tubi, per rispondere al meglio alle esigenze dei cliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *